Ho bisogno di una VPN a casa?

Stare in casa è il modo più efficace per proteggersi durante la pandemia, e questo significa molto più tempo online a casa. Una vpn migliore nel globalwatchonline può aiutare a proteggere quella connessione cruciale.

Una free VPN Netflix aggiunge un livello di protezione alle tue attività online costruendo un tunnel criptato tra il tuo traffico e chiunque cerchi di spiarti. Le VPN sono utili se sei in viaggio e usi reti Wi-Fi che non ti appartengono. Una VPN può anche aiutare a proteggere la tua privacy a casa, e può anche darti accesso a contenuti in streaming che altrimenti non sarebbero disponibili. Con la maggior parte di noi che trascorre molto più tempo a casa rispetto al passato, è più importante che mai capire quando dovresti (e quando non dovresti) usare una VPN a casa.

Cosa non può fare una VPN

Affinché una VPN sia utile, è importante capire i suoi limiti. La sua funzione principale è quella di proteggere il vostro traffico Internet e rendere più difficile per gli osservatori risalire alle vostre attività online.

Anche con una VPN, gli inserzionisti e gli spioni possono comunque raccogliere dati su di te. Si consiglia di utilizzare un tracker blocker, come Privacy Badger della EFF. La capacità incorporata di bloccare i tracker in browser come Firefox è anche importante per proteggere la tua privacy.

PCMag raccomanda inoltre vivamente di utilizzare un software antivirus sui tuoi dispositivi, di abilitare l’autenticazione a due fattori quando disponibile e di utilizzare un gestore di password.

Le minacce all’estero

Fuori da casa tua, è difficile determinare quali reti sono sicure. Per esempio, se sei in una caffetteria, come puoi dire quale rete Wi-Fi è legittima? A meno che l’SSID non sia indicato da qualche parte, dovrai solo indovinare. I cattivi furbi creeranno punti di accesso con nomi familiari, sperando di invogliare la gente a connettersi. Una volta che le vittime sono online, il cattivo lancerà un attacco man-in-the-middle, permettendo all’attaccante nefasto di monitorare tutto il vostro traffico web e persino di intercettarne alcuni.

Un aggressore non ha nemmeno bisogno di ingannarti, ha solo bisogno di ingannare il tuo telefono o computer. La maggior parte dei dispositivi sono configurati di default per riconnettersi alle reti fidate. Ma se un aggressore usa lo stesso nome di una rete Wi-Fi popolare – pensate a Starbucks o Boingo Hotspot – i vostri dispositivi possono connettersi automaticamente, anche senza che voi lo sappiate. Questo è più facile di quanto si pensi, dato che molte aziende hanno nomi di reti Wi-Fi facilmente indovinabili.

Entrambi gli attacchi richiedono un sacco di congetture, ma un buon attaccante non avrà problemi a farlo. Invece, configureranno il loro punto di accesso maligno per cambiare gli SSID in modo che corrispondano a quelli richiesti dai dispositivi. Certo, questo è un attacco esotico, ma che può essere eseguito con successo. Alla conferenza Black Hat di qualche anno fa, un fornitore di sicurezza ha rilevato un access point maligno che aveva cambiato il suo SSID 1.047 volte, causando la connessione di 35.000 dispositivi.

Queste sono situazioni in cui hai sicuramente bisogno di una VPN. Il tunnel criptato che crea assicura che nessuno sulla stessa rete – nemmeno la persona che gestisce la rete – possa vedere quello che state facendo.

Le minacce a casa

Per la maggior parte, possiamo essere sicuri che le nostre reti domestiche sono sicure. È altamente improbabile che un cattivo si sia introdotto, abbia sostituito il tuo router e poi abbia aspettato che arrivasse la roba buona. In primo luogo, è semplicemente troppo lavoro. Ma in secondo luogo, gli attaccanti hanno bisogno di più di un colpo riuscito per rendere utile un attacco. Vogliono raccogliere più informazioni possibili dal maggior numero di vittime. A meno che non viviate sopra un aeroporto, è improbabile che ci siano abbastanza pedoni in casa vostra per giustificare un attacco.

Ma ci sono minacce da considerare se siete a casa. Il più grande viene dalla società che ti dà accesso a internet. Il Congresso degli Stati Uniti ha dato agli ISP il permesso di vendere i dati degli utenti e le loro attività online a chiunque sia interessato. Gli ISP dicono che queste informazioni saranno rese anonime, ma l’idea è comunque preoccupante.

Gli ISP non sono gli unici interessati a ciò che fai online. La ricaduta della fuga di notizie di Snowden del 2013 ha rivelato che la sorveglianza della NSA è molto più pervasiva di quanto si credesse in precedenza. Una VPN rende molto più difficile per un osservatore esterno collegare il tuo traffico online con te. Tuttavia, tieni presente che ci sono innumerevoli altri modi per essere rintracciati online, e una VPN non protegge da tutti.

Leave a Reply

Your email address will not be published.